Nuove prospettive ed integrazione multidisciplinare nel trattamento delle patologie O.R.L. ambulatoriali


end manifesto 4 Salerno, 27/29 novembre 2014
Grand Hotel Salerno – Lungomare Clemente Tafuri, 1

Evento ECM 700-103165
Crediti formativi n. 9,5 per Medico chirurgo (Allergologia, Pneumologia, Neurologia, Pediatria di libera scelta, Chirurgia Maxillo-facciale, Otorinolaringoiatria, Medicina legale, Medicina generale, Audiologia e Foniatria), Odontoiatra, Logopedista, Tecnico audiometrista, Tecnico audioprotesista, Infermiere

Responsabile del Congresso: S. Leo
Responsabili Scientifici: M. Gamerra, M. Mandara, D. Porpora

La Rete Campana ORL, con la collaborazione di diverse associazioni specialistiche che operano sul territorio tra cui ANSOA (Associazione Nazionale Specialisti Otorinolaringoiatri Ambulatoriali), SUMAI (Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana) e SAPMI (Sindacato Autonomo dei Professionisti della Medicina Italiana), organizza tre giornate intense di aggiornamento sulle tematiche più comuni che ogni giorno si riscontrano negli ambulatori territoriali ed ospedalieri. Il programma sarà caratterizzato da un approccio multidisciplinare complessivo, tale da mettere in risalto la necessità di percorsi condivisi e di omogeneità terapeutica, così da chiarire ed agevolare alcuni degli aspetti più critici nella quotidianità professionale degli specialisti in Otorinolaringoiatria. Nella pratica quotidiana dello specialista ORL (otorinolaringoiatra) vi sono infatti situazioni cliniche che possono presentare delle difficoltà diagnostiche in quanto “al confine” tra l’appartenenza ad una specialità piuttosto che ad un’altra. Per lo stesso motivo il trattamento può non essere univoco specie nella decisione di una opzione chirurgica piuttosto che farmacologica. L’incontro di specialisti di diverse branche in queste tre giornate dedicato ognuno ad una specifica sessione, quali orecchio, naso e gola, ha lo scopo di accomunare specialità che spesso risultano non comunicanti tra loro, con l’intento di fornire indicazioni e suggerimenti utili per affrontare le comuni entità cliniche. Scopo del convegno è anche quello di promuovere il valore del dato strumentale nella definizione diagnostica e nella scelta terapeutica attraverso le esercitazioni pratiche rendendo cosi l’utilizzo di strumentazioni in uso solo ad alcune specialità disponibili per le varie branche di specialisti. Il nutrito programma scientifico sarà approfondito con una successione di qualificati interventi da parte dei Colleghi, che per il secondo anno onorano l’evento della loro ambita partecipazione. Saranno affrontati i temi più attuali della disciplina, alla luce dei più recenti cambiamenti e nella prospettiva di ulteriori importanti progressi che la ricerca e la moderna tecnologia oggi promettono; in tale ottica, vengono presentate e vagliate vecchie e nuove proposte terapeutiche, mediche e chirurgiche; tra tutte saranno raccomandate quelle ritenute più vantaggiose per la salute dei pazienti, in relazione allo stato dell’arte e in ottemperanza alle linee guida ufficiali, nazionali e internazionali. Verrà inoltre sottolineata la necessità di una metodologia di approccio e gestione delle varie patologie, in modo da prendere in considerazione tutti gli elementi non solo per la diagnosi e terapia ma anche per la definizione dei piani del trattamento ed assistenziali.